Febbraio

021955tnt

“Don’t Let Smoke Get In Your Eyes” by T. N. Thompson

Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Justine Johnstone

Justine Johnstone

Nata a Englewood nel New Jersey il 31 gennaio 1895, attrice e patologa statunitense.

Studiò alla Emma Willard School di Troy, nello stato di New York. Attrice delle Ziegfeld Follies e delle Folies-Bergere, apparve nel 1917 nello spettacolo “Over the Top”, che aveva come protagonista Fred Astaire.

Justine Johnstone A Heart to Let 1921

Justine Johnstone in “A Heart to Let” lobby card, 1921

Esordì sugli schermi del cinema nel 1914 in “The Crucible “, fino al 1925 recitò in nove film, tra cui “A Heart To Let” nel 1921, dove interpretava lo dolce ereditiera Agatha Kent.

Justine Johnstone sep 1920 Tatler

Justine Johnstone on The Tatler magazine cover, september 1920

Tra il 1914 e il 1926 recitò in otto produzioni teatrali a Broadway, tra cui le Ziegfeld Follies del 1915 e del 1916.

Justine Johnstone wagner

Nel 1919 si sposò con il produttore cinematografico Walter Wanger. La coppia avrebbe poi divorziato nel 1938. Conosciuta con il nome di Justine Wanger, assunto dopo il matrimonio, nel 1926 lasciò lo spettacolo e si iscrisse alla Columbia University, dove diventò l’assistente di Samuel Hirschberg e di Harold T. Hyman. In seguito, si specializzò in endocrinologia e ricerca sul cancro, installando un laboratorio nella sua casa di Hollywood.

Justine Johnstone 3

Morì a Santa Monica il 3 settembre 1982 per insufficienza cardiaca. Venne sepolta al Chapel of the Pines Crematory di Los Angeles.

Justine Johnstone Frank E. Geisler

Justine Johnstone by Frank E. Geisler

Pubblicato in Attrici Classiche, Cinema e Teatro, Foto, Gennaio, Libri e Riviste | Lascia un commento

Arlette Marchal

Arlette Marchal

Nata Lucienne Marie Marchal a Parigi il 29 gennaio 1902, attrice francese.

Dopo aver vinto un concorso di bellezza a Aix-les-Bains nel 1920, debuttò nel cinema nel 1922 con “Mon p’tit”. Seguì una stagione di successi in Francia e in Germania, da “Aux jardins de Murcie” nel 1923 a “Die Sklavenkönigin” nel 1924, fino al debutto con la Paramount in “Madame Sans-Gêne” con Gloria Swanson e diretta dal suo mentore Léonce Perret.

Arlette Marchal 2

Continuò a lavorare intensamente sia negli Stati Uniti che in Francia e in Germania. Nel luglio del 1928 sposò il regista Marcel De Sano ma divorziò nel 1933. Il suicidio dell’ex-marito, nel 1936, coincise con il suo parziale abbandono dello schermo per un periodo di attività nei teatri francesi. Tornò ancora al cinema nel 1939 per abbandonarlo definitivamente nel 1951 e dedicarsi con successo alla moda. Fino ad allora aveva preso parte a quarantatré film.

Arlette Marchal Adolphe Menjou Greta Nissen Blonde or Brunette 1927

Arlette Marchal, Adolphe Menjou and Greta Nissen in “Blonde or Brunette”, 1927

Nel 1976 fu insignita del titolo di cavaliere delle arti e delle lettere insieme a Charles Vanel, Victor Francen e Marie Bell.

Morì a Parigi l’11 febbraio 1984.

Arlette Marchal 3

Pubblicato in Attrici Classiche, Cinema e Teatro, Foto, Gennaio | Lascia un commento

Violet Heming

Violet Heming 4

Nata Violet Hemming a Leeds in Inghilterra il 27 gennaio 1895, attrice inglese naturalizzata statunitense.

Fu una popolare attrice di teatro che lavorò anche per il cinema, interpretando diciannove film tra il 1910 e il 1932. Nel 1955 apparve in una serie TV, “Star Tonight”.

Violet Heming

Era figlia di Alfred Hemming, che era apparso in alcuni film muti, e di Mabel Allen. Cominciò a recitare nel 1908, a soli tredici anni, la sua prima apparizione sullo schermo risale al 1910, in un corto della Thanhouser, “The Woman Hater “. Il suo ultimo film, “Almost Married” di William Cameron Menzies, uscì nel 1932

Violet Heming Alexander Kirkland Almost Married 1932

Violet Heming and Alexander Kirkland in “Almost Married” 1932

I registi con cui lavorò furono, tra gli altri, Frederick A. Thomson, J. Stuart Blackton, Reginald Barker, George Melford.

Violet Heming Everywoman 1919

Violet Heming in “Everywoman”, 1919

Benché nella sua carriera di attrice abbia lavorato nel cinema e anche in televisione, viene ricordata soprattutto per i suoi ruoli teatrali, tra il 1908 e il 1952 partecipò a trentatré produzioni a Broadway.Violet Heming 3

Morì a New York, dove aveva vissuto per gran parte della vita, il 4 luglio 1981.

Violet Heming 2

Pubblicato in Attrici Classiche, Cinema e Teatro, Foto, Gennaio | Lascia un commento

Albertina Rasch

Albertina Rasch

Nata a Vienna il 19 gennaio 1891, ballerina, coreografa e attrice austriaca naturalizzata statunitense.

Nata all’epoca dell’Impero austro ungarico da una famiglia polacca di ascendenza ebraica, studiò danza alla scuola di ballo dell’Opera di Vienna. Nel 1911 diventò ballerina al New York Hippodrome.

Albertina Rasch 2

Formò in seguito una propria compagnia di danza con cui prese parte a una serie di produzioni di Florenz Ziegfeld. Apparve al Moulin Rouge a fianco di Joséphine Baker e andò in tournée con Sarah Bernhardt. A Manhattan aprì uno studio di danza dove Bill Robinson insegnava il tip tap, prima di adattare la sua formazione classica e le sue tecniche al teatro di Broadway, dove danzò, ideò le coreografie ed i numeri di ballo per trentacinque produzioni, tra il 1910 e il 1945.

Albertina Rasch girls Rio Rita 1927

Albertina Rasch Girls in “Rio Rita”, 1927

Tra il 1922 e il 1937 recitò in sette film, inoltre tra il 1925 e il 1940 fu coreografa o eseguì numeri di ballo in ventitré film.

Albertina Rasch Dimitri Tiomkin

Albertina Rasch and Dimitri Tiomkin

Nel 1923 sposò il compositore Dimitri Tiomkin, i due rimasero insieme fino alla morte di Albertina, che avvenne, dopo una lunga malattia, il 2 ottobre 1967 a Woodland Hills in California. Riposa nel Forest Lawn Memorial Park di Glendale in California.

Albertina Rasch 3

Pubblicato in Attrici Classiche, Cinema e Teatro, Foto, Gennaio | Lascia un commento

Ruth Taylor

Ruth Taylor

Nata il 13 gennaio 1905 a Grand Rapids in Michigan, attrice statunitense.

Cresciuta a Portland in Oregon, dove studiò e partecipò a recite amatoriali, ottenne di andare a Hollywood per cercare di far parte del mondo del cinema. Fece la comparsa prima di essere notata da Mack Sennett nel 1925 che la mise al fianco di Harry Langdon nel cortometraggio comico “Lucky Stars”.

Ruth Taylor Gentlemen Prefer Blondes 1928

Ruth Taylor in “Gentlemen Prefer Blondes”, 1928

Per tre anni recitò nelle brevi commedie di Sennett, alcune delle quali con Ben Turpin, fino alla scadenza del contratto. Nel 1928 la Paramount la ingaggiò per il ruolo da protagonista in “Gentlemens prefer Bondes”, con Alice White e Ford Sterling, tratto dal romanzo di Anita Loos. La casa di produzione aveva invitato gli appassionati a scegliere l’attrice che avrebbe dovuto interpretare il ruolo di Lorelei Lee, la protagonista, ricevendo in risposta circa 14.000 lettere. Quando la scelta fu fatta, la Paramount mandò a ciascun corrispondente una foto di Ruth Taylor.

Ruth Taylor The College Coquette 1929

Ruth Taylor in “The College Coquette”, 1929

Malgrado la buona recitazione degli attori, il film non fu apprezzato dal pubblico, che non si riconobbe nella trasposizione cinematografica dei personaggi del romanzo. Ruth Taylor, che fu scelta nel 1928 tra le tredici WAMPAS Baby Stars dell’anno, partecipò alla commedia “Just Married” al fianco di James Hall. Finito il rapporto con la Paramount, recitò ancora in “The College Coquette” e in “This Thing Called Love” nel 1929. Con il corto “Scrappily Married” del 1930, pose fine alla sua carriera, recitando complessivamente in quarantadue pellicole.

Ruth Taylor wampas

Sposò il 17 marzo del 1930 l’agente di borsa Fred Zuckerman nell’attico al Greenwich Village dell’attrice Phyllis Haver. Le nozze furono celebrate dal sindaco di New York Jimmy Walker, presenti anche Adolphe Menjou e la moglie Kathryn Carver. La coppia ebbe un figlio, Henry, divenuto poi un noto attore e sceneggiatore col nome di Buck Henry

Ruth Taylor Photoplay jul 1928

Ruth Taylor on Photoplay magazine cover, july 1928

Visse a lungo a New York per poi stabilirsi nuovamente in California, dove morì a Palm Springs il 12 aprile 1984. È sepolta nel Forest Law Memorial Park di Los Angeles.

Pubblicato in Attrici Classiche, Cinema e Teatro, Foto, Gennaio, Libri e Riviste | Lascia un commento

Pina Menichelli

Pina Menichelli

All’anagrafe Giuseppa Iolanda Menichelli, nata a Castroreale in provincia di Messina il 10 gennaio 1890, attrice italiana del cinema muto, figura di primo piano assieme a Lyda Borelli e Francesca Bertini.

Appartenente ad un’importante dinastia di attori teatrali, il cui capostipite fu Nicola Menichelli, apprezzato comico della metà del Settecento, Pina nacque da Cesare e Francesca Malvica, attori girovaghi. Furono attori anche la sorella maggiore Lilla, la minore Dora e il fratello Alfredo.

Pina Menichelli 2

Essendo figlia d’arte, incominciò a recitare fin da bambina, ma la sua vera carriera artistica ebbe inizio nel 1907 quando fu scritturata come giovane amorosa nella compagnia teatrale di Irma Gramatica e Flavio Andò.

Dopo alcune esperienze teatrali, arrivò al cinema grazie alla casa Cines di Roma, una delle più importanti dell’epoca, dove, fra il 1913 e il 1914, recitò in numerosi film. Fra essi spicca “Scuola d’eroi”, dove fu notata dal regista e produttore Giovanni Pastrone, che la chiamò poi all’Itala Film di Torino, dando così inizio alla sfolgorante “avventura cinematografica” dell’attrice.

Pina Menichelli Il fuoco1915

Pina Menichelli in “Il fuoco”,1915

Realizzò così il suo primo film per l’Itala, con la regia di Pastrone (che si firmò Piero Fosco), “Il fuoco” nel 1915. Il film ebbe un enorme successo, e la Menichelli, perfetta nel ruolo di crudele e sensuale maliarda, divenne una stella di prima grandezza, etichettata come la femme fatale per eccellenza del cinema italiano.

Pina Menichelli Tigre reale 1916

Pina Menichelli in “Tigre reale”, 1916

L’anno seguente fu la protagonista di “Tigre reale”, dove, interpretando la sinuosa e fatale contessa Natka, confermò le sue non comuni capacità d’attrice e di femme fatale. Tra gli altri film di successo che realizzò per l’Itala, si possono ricordare “La moglie di Claudio” e “L’olocausto” nel 1918, “Il padrone delle ferriere” nel 1919.

Pina Menichelli Amleto Novelli Il padrone delle ferriere 1919

Pina Menichelli e Amleto Novelli in “Il padrone delle ferriere”, 1919

Nel 1920 passò alla Rinascimento Film, fondata per lei dal barone Carlo Amato, suo futuro marito, continuò ad affascinare le platee di mezzo mondo, nonostante la critica bacchettasse la sua recitazione manierata e forzata tipica dell’epoca, con pellicole come “La storia di una donna” e “Il romanzo di un giovane povero” nel 1920, “La seconda moglie” nel 1922, “La donna e l’uomo” e “La biondina” nel 1923. Sempre nel 1923, stanca di interpretare gli stessi personaggi di seduttrici voluttuose e tormentate eroine, lavorò con brio e agilità a due commedie, “La dama de chez Maxim’s” e “Occupati d’Amelia”, che sbalordirono critica e pubblico.

Pina Menichelli La Dame de Chez Maxims 1923

Pina Menichelli in “La Dame de Chez Maxim’s”, 1923

Dopo questi due lavori si ritirò da ogni attività artistica per dedicarsi ai suoi doveri di madre e moglie serena. La morte di questa conturbante e bravissima diva dalla bella figura, non alta, ma slanciata, capelli biondissimi, grandi occhi azzurri, bocca sensuale, naso un po’ aquilino, avvenuta a Milano il 29 agosto 1984, passò inosservata

Pina Menichelli 4

Le sue spoglie riposano nella Basilica di S. Ambrogio a Milano.

Pina Menichelli 3

Pubblicato in Attrici Classiche, Cinema e Teatro, Donne Famose, Foto, Gennaio | Lascia un commento